• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
Consultazione Archivi

Chiarimenti su obbligo di comunicazione lavoratori autonomi occasionali

 

Grazie all’intervento degli uffici centrali di Confcommercio, Federlingue ha finalmente ottenuto i chiarimenti ufficiali richiesti per i lavoratori occasionali (interpreti, traduttori, revisori, docenti) utilizzati dalle aziende socie. 

Le nuove FAQ dell’Ispettorato del lavoro, condivise con l’Ufficio legislativo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, sono contenute nella nota prot. 1828 del 28 febbraio 2022 (leggi): 

I quesiti sono i seguenti: 

FAQ n° 13: Le prestazioni occasionali rese dai traduttori, dagli interpreti e dai docenti di lingua sono escluse dall’obbligo di comunicazione preventiva? Se sono rese da traduttori in favore di imprese che utilizzano un network di collaboratori occasionali in Italia e all'estero in più lingue a cui affidano saltuariamentesingole traduzioni anche di piccola entità?

Risposta: Si, in quanto ricomprese tra le prestazioni intellettuali che, come già chiarito nella nota ML e INL del 27 gennaio u.s. (FAQ n. 5), sono escluse dall’obbligo. 

FAQ n° 14: In caso di utilizzo di piattaforma digitale utilizzata per gestire le assegnazioni dei progetti di traduzione o altro a traduttori, revisori e altri linguisti tramite inviti da parte dei Project Manager, la prestazione di lavoro occasionale resa dai traduttori è ricompresa nell’obbligo comunicazionale di cui all’art. 14, comma 1, D.Lgs. n. 81/2008?

Risposta: No, è esclusa dall’obbligo ma, poiché si utilizzano piattaforme digitali, essa rientra nell’obbligo di comunicazione di cui all’articolo 9-bis, commi 2, 2 quater e 2 quinquies, D.L. n. 510/1996, come modificato dal D.L. n. 152/2021 (conv. da L. n. 233/2021).

 

 

 

 

Data ultimo aggiornamento: 16/03/22
Categoria: News
Tipologia: Dalle associazioni